EMPATIA

ARTE ED EMPATIA:

UN NUOVO STUDIO TRA GLI STUDENTI DI MEDICINA



Un nuovo studio pubblicato recentemente, condotto in cinque università degli Stati Uniti, ha confermato che gli studenti di medicina
con una maggiore esposizione alle arti e alle discipline umanistiche tendono ad avere un’empatia significativamente migliore,
così come per l’intelligenza emotiva e la saggezza – e sono meno propensi a sviluppare sintomi di burnout.
I risultati potrebbero interessare non solo i programmi della scuola medica, ma anche le ammissioni e il reclutamento, e lo sviluppo professionale tra i medici praticanti.
Significato di Empatia



L’empatia è la capacità di “mettersi nei panni dell’altro” percependo, in questo modo, emozioni e pensieri.

E’ un termine che deriva dal greco, en-pathos “sentire dentro”, e consiste nel riconoscere le emozioni degli altri come se fossero proprie,

calandosi nella realtà altrui per comprenderne punti di vista, pensieri, sentimenti, emozioni e “pathos”.

L’empatia è un’importante competenza emotiva grazie alla quale è possibile entrare più facilmente in sintonia con la persona con la quale si interagisce.

L’empatia è un’abilità sociale di fondamentale importanza e rappresenta uno degli strumenti di base di una comunicazione interpersonale efficace e gratificante.

Nelle relazioni interpersonali l’empatia è una delle principali porte d’accesso agli stati d’animo e in generale al mondo dell’altro.

Grazie a essa si può non solo afferrare il senso di ciò che asserisce l’interlocutore, ma si coglie anche il significato più recondito psico-emotivo.

Questo ci consente di espandere la valenza del messaggio, cogliendone elementi che spesso vanno al là del contenuto semantico della frase,

esplicitandone la metacomunicazione, cioè quella parte veramente significativa del messaggio, espressa dal linguaggio del corpo,

che è possibile decodificare proprio grazie all’ascolto empatico.

 

 

Leggi tutto...

L'ANGINA

CHE COSA E' L'ANGINA?

 

Quando una persona avverte delle sensazioni dolorose e fastidiose che possono venire percepite al petto ed alla schiena,

possono essere il campanello d’allarme per comprendere che il nostro cuore ha bisogno di cure ed è necessario andare da un medico cardiologo per farsi visitare.

Si ricorda che l’angina non è un infarto, ma solo il sintono di una possibile malattia coronarica, ma che deve venire curata al più presto possibile .

L’angina normalmente si percepisce quando si svolge dell’attività fisica, ad esempio quando si corre, si va in bicicletta,

magari in salita, oppure quando si prova una grande emozione, ma si può anche verificare a riposo con forti dolori.

Perchè si manifestano questi sintomi è presto detto e tutto dipende sempre dal  fatto che vi sono dei vasi sanguigni

parzialmente ostruiti da grassi (colesterolo).

I motivi quindi dei dolori che si riscontrano dipendono dal nostro sangue che non viene adeguatamente ossigenato.

Le probabilità che si manifesti questa malattia sono gli stessi che si verificano quando il nostro organismo,

per nostra colpa, subisce delle mutazioni, come ad esempio, fumare, mangiare cibi troppo grassi e soprattutto adagiarsi ad una vita  sedentaria.

Fortunatamente questa malattia può venire curata con successo, a patto di seguire scrupolosamente

i consigli del vostro medico cardiologo che vi ha in cura.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS